aversa lite via seggio arresto

Lite ad Aversa nella zona della movida, 52enne arrestato dopo aver accoltellato un ragazzino. Alle prime ore del mattino di oggi, personale dei Commissariato di polizia di Stato di Aversa ha dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Napoli Nord, nei confronti di M.M. cl. ’69, perché gravemente indiziato del delitto di tentato omicidio di Zator Ivan, 17 anni.

L’episodio delittuoso che aveva fortemente scosso ed allarmato le persone del luogo accorse in massa a seguito delle concitate richieste di aiuto della compagna della vittima riverso a terra sanguinante, risale al 9 ottobre 2021 ed è stato puntualmente ricostruito nella sua dinamica nel provvedimento restrittivo.

Accoltellato per difendere la compagna

In particolare a seguito di una banale lite avvenuta all’esterno di un bar del centro di Aversa, nei pressi di via Seggio, un cittadino ucraino mentre consumava una bibita e delle patatine ad un tavolino insieme con la sua compagna, veniva prima aggredito verbalmente e poi seguito, minacciato ed infine accoltellato al basso ventre da una persona che subito dopo aver commesso il delitto era rimasta sul posto ad osservare l’arrivo degli Agenti di Polizia ed il trasporto della vittima all’ospedale a bordo della ambulanza del 118 accorsa immediatamente su loro richiesta.

Arrestato 52enne per tentato omicidio

Alla individuazione dell’autore dell’accoltellamento, avvenuto alla 22:00 circa in una strada del centro di Aversa poco distante dal bar, si perveniva attraverso le dichiarazioni delle vittime che, fornendo una puntuale descrizione del loro aggressore, consentivano alla Polizia di Stato di ricondurre il ferimento proprio alla persona che avevano controllato poco prima nei pressi del luogo in cui era avvenuto l’episodio.

Il racconto delle vittime, confermato dal titolare del bar quanto alla genesi della discussione verbale che ha preceduto l’accoltellamento, faceva emergere con chiarezza anche l’indole altamente criminale dell’indagato ed una personalità priva di freni inibitori, cinica e violenta essendosi accertato che l’uomo era stato accoltellato per aver difeso la sua compagna dalla aggressione posta in essere per futili motivi legati alla consumazione di patatine.

Il cittadino ucraino, gravemente ferito all’addome con un coltello, non è deceduto solo perché prontamente trasportato all’ospedale di Aversa e sottoposto ad intervento chirurgico nella notte dello stesso giorno.

continua a leggere su Teleclubitalia.it