Gaetano Scutellaro ha ammesso le proprie responsabilità e ha chiesto scusa alla signora alla quale ha sottratto il tagliando da 500mila euro. Il tabaccaio di Materderi, attraverso il suo avvocato, ha confessato il furto e la richiesta estorsiva.

Napoli, Scutellaro chiede scusa. L’avvocato: “Aveva perso ogni tipo di capacità mentale”

“Si scusa, aveva perso ogni tipo di capacità mentale e di ragionamento”, ha spiegato il legale. “Ha preso il biglietto senza sapere cosa stesse facendo. Senz’altro ha problemi di salute mentale che sto cercando di accertare acquisendo dei documenti”.

Scutellaro, 57 anni, è recluso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: è sottoposto a fermo dalla Procura di Napoli che lo accusa del furto pluriaggravato e di un tentativo di estorsione ai danni della stessa signora.

La confessione arriva dopo che è emerso che Scutellaro aveva chiamato la signora per chiederle di dividere la vincita a metà, facendo intendere di avere in possesso il biglietto del Gratta e Vinci. In quel momento con la donna c’era suo nipote, che l’ha aiutata a registrata la telefonata.

Secondo la ricostruzione dell’accaduto fatta dagli investigatori, Scutellaro è andato via da Napoli. Si sarebbe recato prima in una banca di Latina, dove ha aperto un conto corrente e depositato in una cassetta a suo nome il tagliando, poi all’aeroporto di Fiumicino. Lì sarebbe dovuto partire a Fuerteventura, ma è stato riconosciuto dalla Polizia.

continua a leggere su Teleclubitalia.it