edoardo gagliano del capo morto bimbo leucemia

Da qualche giorno aveva febbre e debolezza. Edoardo, 2 anni, è stato ricoverato ed è morto per una leucemia fulminante. I medici, però, gli hanno diagnosticato una semplice mononucleosi. Un errore che potrebbe essere risultato fatale.

Salento, bimbo di 2 anni muore per leucemia fulminante: diagnosi sbagliata

Siamo a Gagliano de Capo, in Salento, provincia di Lecce. Edoardo da circa venti giorni accusava uno stato febbrile che sale e scende. Il pediatra non perde tempo e dispone una serie di accertamenti. La diagnosi: mononucleosi. Edoardo inizia la terapia. Tuttavia le sue condizioni, il 4 giugno, peggiorano improvvisamente, tanto da richiedere il ricovero immediato all’ospedale pediatrico Giovanni Paolo XXIII di Bari. 48 ore di lotta tra la vita e la morte, prima del decesso.

I genitori confidavano di risolvere il problema in qualche settimana – racconta un’amica di famiglia – si sono prodigati ogni giorno senza lasciare un attimo il figlioletto. Anche il pediatra e i medici – continua – hanno fatto il possibile”. “Non si può parlare di un caso di malasanità – puntualizza la donna – il piccolo è stato seguito e monitorato dall’inizio alla fine in maniera scrupolosa e molto attenta da tutti i medici che lo hanno tenuto in cura”.

I genitori, infatti, per il momento non hanno chiesto l’intervento della Magistratura. Il dolore è troppo grande per cercare, in questo momento, dei responsabili. Il sindaco del piccolo comune salentino, Gianfranco Melcarne, manda un messaggio ai genitori del piccolo: “Vi siamo vicini in questo momento così difficile. L’amministrazione farà qualsiasi cosa per cercare di lenire una ferita così grande”.

I funerali

Centinaia di cittadini del comune leccese che ieri pomeriggio hanno voluto manifestare solidarietà e vicinanza alla famiglia del bimbo, che gestisce un agriturismo in aperta campagna. E lo stesso hanno fatto tutti gli esercenti pubblici che hanno deciso di bloccare le proprie attività per unirsi al lutto. Tra i presenti al rito officiato nella Chiesa di San Rocco Confessore da padre Gino Buccarello, c’erano  anche il sindaco di Gagliano del Capo, Gianfranco Melcarne e tutti i consiglieri comunali uniti in un grande abbraccio a mamma Valentina e papà Sandro.

continua a leggere su Teleclubitalia.it