arresti melito papa

Commistione tra clan, associazioni e società civile quella che è emersa dalle indagini che questa mattina hanno portato agli arresti di 31 persone a Melito nel clan Amato Pagano.

Dalle indagini è emerso il coinvolgimento anche dell’associazione locale di commercianti Aicast e del suo presidente.

Tra le attività svolte dal clan c’è quella relativa alle estorsioni ai commercianti di Melito che sono state fatte “a tappeto” nel tempo a circa 500 negozi l’anno.

Arresti a Melito, coinvolgimento dell’Aicast e di Papa

Le indagini svolte dalle forze dell’ordine avrebbero portato alla luce l’esistenza di una forma di controllo pressoché totale del territorio melitese da parte del clan Amato Pagano, grazie anche alla diretta partecipazione alle attività criminali del Presidente dell’A.I.C.A.S.T. (prima ASCOM) di Melito, associazione rappresentativa di plurime categorie commerciali/industriali/artigianali operanti nella città che, proprio in virtù di tale ruolo, era nelle condizioni di favorire il clan attraverso i rapporti con commercianti e imprenditori.

Infatti, proprio presso la sede dell’Associazione si sarebbero tenuti dei summit di Camorra finalizzati a stabilire le strategie criminali da adottare.

Gli indagati sarebbero coinvolti in una massiccia e capillare attività estorsiva, posta in essere “a tappeto” nei confronti di operatori commerciali melitesi, circa 500 negozi ogni anno, oltre che nel diretto interesse del clan nella gestione dei remunerativi servizi di onoranze funebri attraverso la selezione di specifiche ditte con le quali entrava in “quota” consentendo loro di operare, di fatto, in regime di monopolio.

Da segnalare una particolare forma di estorsione, che si aggiungeva rispetto a quella “classica” (posta in essere attraverso l’imposizione delle tre rate annuali, coincidenti con le festività di Natale, Pasqua e Ferragosto), camuffata dall’acquisto (in effetti obbligato) di “gadget natalizi”.

Dalle indagini sarebbe infatti emerso che nella proposta rivolta ai commercianti/vittime, questi potevano ricevere, a fronte della somma estorta, una fattura per “scaricare” il costo dell’illecita devoluzione e questo sarebbe servito, secondo gli indagati, a far accettare più facilmente l’imposizione.

La fattura sarebbe stata, infatti, emessa da una ditta compiacente che, una volta ottenuto il pagamento tramite bonifico, avrebbe provveduto a restituire la somma in contanti al clan, trattenendo per sé un importo corrispondente all’I.V.A.

Leggi anche: Terremoto a Melito, sgominato clan Amato-Pagano: coinvolti vigili e Aicast. TUTTI I NOMI

continua a leggere su Teleclubitalia.it