Si fa sempre più forte il pressing dei gestori dei locali da ballo e delle discoteche che, a causa delle misure anti-covid, chiedono al più presto di poter ripartire.

Riaperture discoteche: l’ipotesi riapertura a luglio, solo all’aperto e con green pass

Sul caso se ne discuterà oggi a un tavolo istituito al ministero della salute, con la presenza degli esperti del Comitato tecnico scientifico. L’ipotesi è quella di riaprire a luglio, introducendo il green pass. Il titolare del dicastero, però, segue la linea della prudenza: “Per ora di riaprire non se ne parla, ma potremmo programmare per luglio la ripartenza delle discoteche riservandole a chi ha il pass vaccinale, in modo da spingere giovani a giovanissimi a immunizzarsi”, ha dichiarato il ministro Speranza.

Il sottosegretario alla Salute Costa ieri al Tg2 ha ribadito che le discoteche “vanno riaperte per ballare”, ha aggiunto che “non può essere il distanziamento quello che fa aprire”. Due, secondo Costa, i criteri a cui lavorare: “Il contenimento, quindi le capienze ridotte, e l’entrare in sicurezza. Credo che il criterio del green pass possa essere quello da applicare alle discoteche”.

Anche le Regioni spingono per una riapertura immediata, ma in tutta sicurezza. Il presidente della Conferenza, Massimiliano Fedriga, ha infatti annunciato: “Come Regioni abbiamo già fatto la proposta di utilizzare il green pass per le discoteche, spero ci sarà un’apertura del ministero della Salute”.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it