mog giugliano porcaro

A Campania Oggi si è parlato ieri del rilancio del MOG, tema al centro del dibattito politico anche per il recente aumento dei canoni per i posteggi.

La struttura è stata affidata agli attuali concessionari nel 1994, ma da tempo versa in uno stato di abbandono, come documentato anche da un nostro servizio. Erba alta, incuria degli spazi verdi e lavori di manutenzione al palo tra i problemi annosi che lo riguardano.

Mog, parla Porcaro

“Abbiamo bisogno di concretezza – ha tuonato Domenico Porcaro, presidente dei concessionari MOG -. Anzitutto la pulizia che l’attuale amministrazione comunale ha sponsorizzato è stata fatta in una zona non usata da noi, ma dalla Regione e per motivi non inerenti al campo agroalimentare. L’anno scorso, abbiamo più volte chiesto, a mezzo lettere, e ho un migliaio di protocolli fatti alle varie amministrazioni, di venirci a fare la manutenzione del verde pubblico, che negli ultimi 5 anni non è mai stata fatta. L’anno scorso l’abbiamo fatta noi a nostre spese”.

Porcaro lamenta il mancato coinvolgimento degli operatori, che sarebbero tenuti fuori da ogni progetto di rilancio e riqualificazione della struttura: “Noi abbiamo presentato progetti già anni fa. Ad esempio, abbiamo presentato il progetto di ristrutturazione del padiglione e nessuno ci ha ascoltato. Io dei progetti comunali non ne sono a conoscenza. Le proposte dell’amministrazione devono comunque essere elaborate dopo un confronto con gli imprenditori agricoli che lavorano qui. C’è necessità per il comune di avere un confronto con i rappresentanti del settore, perché delle problematiche della struttura ne siamo a conoscenza noi. Noi giriamo gli altri mercati, noi sappiamo come funzionano e come vanno gestiti”. Da qui il tema: privatizzare il MOG o lasciarne la proprietà nelle mani del comune? “Privatizzarlo può essere una soluzione, ma anche costruire una società privata a partecipazione pubblica. I modelli di gestione possono essere tanti”, ha sostenuto il Presidente dei concessionari.

Leggi anche: Giugliano, Mog: aumento canone e degrado. Fine settimana di polemiche

Infine, tra i temi discussi nel corso della puntata, l’aumento dei canoni per i posteggi. Proteste e malcontento non si sono fatti attendere. Sei consiglieri di minoranza l’hanno ritenuto “un fallimento” dell’attuale amministrazione. “Se ne era discusso, abbiamo fatto una riunione con il sindaco, l’assessore Coppola, era presente Giuseppe Capuano. Ci siamo lasciati con l’idea di portare ad un aumento graduale questo canone”, ha dichiarato in diretta Porcaro. “La nostra richiesta è stata di prevedere però un’efficienza dei servizi, come la manutenzione del verde pubblico. Siamo disponibili anche a subire l’aumento delle tariffe, ma a determinate condizioni. La prima è che esse siano proporzionali alle aree che occupiamo. La seconda è che agli aumenti corrisponda un effettiva erogazione dei servizi necessari al funzionamento della struttura”.

Giugliano, una giornata al Mog. I concessionari:”Salviamo il mercato”

continua a leggere su Teleclubitalia.it