variante indiana napoli

Due casi sospetti di variante indiana a Napoli. Arriverà oggi il responso sui controlli che si stanno effettuando su due casi positivi.

Variante indiana a Napoli

Secondo quanto riporta il mattino, Cotugno, Tigem e Istituto zooprofilattico di Portici, stanno indagando sul nuovo ceppo. A chiedere le verifiche è stato l’Istituto Superiore di Sanità dopo la schedatura dei due casi apparsa sulla piattaforma internazionale Gisaid. In India la situazione è molto critica: sono oltre 300 mila i casi al giorno e migliaia i morti.

L’Italia per evitare il diffondersi della variante indiana ha adottato qualche giorno fa un’ordinanza ministeriale che vieta l’ingresso a chi, negli ultimi 14 giorni, abbia soggiornato in India.

Intanto tutte le persone provenienti dall’India, giunte a Napoli o nelle altre province per lavoro o soggiorno, devono comunicare i propri dati e la propria residenza alla Asl competente.

La versione indiana del virus preoccupa non poco il mondo intero visto che secondo alcuni potrebbe essere in parte capace di “bucare” la protezione immunitaria dei vaccini anche se su questo aspetto non c’è alcuna evidenza. Il virus è già stato identificato negli Usa, e in Europa in Svizzera mentre in Italia in un caso a Firenze e in un paio nel Veneto.

Via alla vaccinazione di massa a Procida: “Entro sabato tutti vaccinati”

continua a leggere su Teleclubitalia.it