medico fondi indagato

Adescava le ragazzine sull’autobus lungo la tratta Terracina-Roma. Poi le invitava in studio, dove le dedicava “attenzioni sessuali”. E’ con quest’accusa che i carabinieri del Nas di Latina, hanno dato esecuzione, a Fondi (Latina), alla misura di sicurezza della “libertà vigilata” (per la durata di 1 anno), emessa dal G.I.P. del locale Tribunale nei confronti di un 64enne medico di medicina generale. Deve rispondere di violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione.

Fondi, ex medico adescava ragazzine sull’autobus: per lui scatta la libertà vigilata

“L’attività investigativa – si legge in una nota dei carabinieri – è stata avviata dai militari del nucleo antisofisticazioni e sanità pontino a novembre 2019 a seguito delle denunce presentate, presso la Procura della Repubblica di Latina, da tre genitori per presunte molestie ed abusi sessuali poste in essere dal medico nei confronti delle proprie figlie (due di 17 anni e una di 18)”.

Le successive attività investigative svolte dal NAS di Latina hanno consentito di accertare che effettivamente il 64enne, a bordo dei mezzi pubblici su cui viaggiava nella tratta “Roma-Terracina”, era responsabile di una serie di reati. Pur non essendo più iscritto nell’apposito albo professionale poiché radiato dal 2002, l’uomo si avvicinava a ragazze minorenni millantando la propria attività di medico.

Nell’occasione consegnava loro bigliettini da visita riportanti il titolo di “medico specialista in medicina interna” e le invitava presso il suo studio a Fondi. Le accuse di molestie e violenza sessuale (anche tentata) riguardano tre minorenni. Il medico poneva in atto attenzioni morbose e veri e propri atti sessuali, tra cui palpeggiamenti, con l’aggravante di aver agito simulando la sua qualità di medico”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it