“Ho ascoltato ieri un grido di dolore e di indignazione del presidente del Consiglio rispetto a qualche trentenne che ha scavalcato qualche 80enne. Io, parafrasando le parole del presidente del Consiglio, mi rivolgo a lui: con quale coscienza si può togliere ai cittadini campani una quantità di 210mila dosi di vaccino?”. Lo ha detto il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nella consueta diretta social del venerdì pomeriggio.

Campania, De Luca attacca il governo: “Con quale coscienza dai meno vaccini ai campani?”

Il governatore ha attaccato duramente l’Esecutivo sulla distribuzione dei vaccini. “Con quale coscienza il governo nazionale dà ogni anno a ogni cittadino campano 47euro in meno nel riparto del fondo. Con quale coscienza il governo permette che la Campania abbia  15mila indipendenti in meno nel suo sistema sanitario? Mi auguro che questo mio grido di dolore sia accolto”.

Vaccini

“E’ stata la settimana di Astrazeneca, dell’avventura di questo vaccino per il quale anche in Italia siamo stati capaci di creare un livello tale di confusione che ha gettato nello sconcerto i nostri cittadini. Continuo ad ascoltare una comunicazione demenziale di questo vaccino. Allora, sono emersi dei problemi che sono stati valutati dall’Ema, io credo che dobbiamo mantenere i nervi saldi: ai nostri cittadini non è successo nulla, chi ha avuto questa somministrazione non ha riscontrato problemi”, ha affermato De Luca.

Ieri la Campania ha superato la soglia di un milioni di dose inoculate ai cittadini. “Nel frattempo la regione Campania ha raggiunto un primo traguardo: abbiamo sfiorato la soglia di un milione di vaccinazioni, quasi il 40% ha avuto la doppia dose. Stiamo andando avanti in maniera importante”, ha detto il governatore.

“In Campania non abbiamo avuto problemi di particolare scorrettezza: non c’è stato alcun accordo con alcune categorie professionali, siamo andati avanti con grande correttezza. E ancora oggi la Campania è quella che ha ricevuto la dose più bassa di vaccini: ha ricevuto il 22% dei vaccini rispetto alla sua popolazione“, ha aggiunto il presidente della Regione Campania nel corso della diretta.

Poi, le accuse al Governo: “Ho ascoltato ieri un grido di dolore e di indignazione del presidente del consiglio rispetto a qualche trentenne che ha scavalcato qualche 80enne. Io, parafrasando le parole del presidente del Consiglio, mi rivolgo a lui: con quale coscienza si può togliere ai cittadini campani una quantità di 210mila dosi di vaccino? Con quale coscienza il governo nazionale dà ogni anno a ogni cittadino campano 47 euro in meno nel riparto del fondo sanitario? Con quale coscienza il governo permette che la Campania abbia 15mila indipendenti in meno nel suo sistema sanitario? Mi auguro che questo mio grido di dolore sia accolto”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it