sonia pantoli morta covid avezzano pescara

E’ tra le vittime più giovani del Covid in Italia. A perdere la vita Sonia Pantoli, 31 anni, architetto di Avezzano. La giovane è deceduta presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Pescara.

Abruzzo in lutto, il Covid uccide Sonia a 31 anni

Da qualche anno Sonia si era trasferita a Francavilla e aveva trovato lavoro presso la Proger Spa, società leader dell’expertise italiano. Dopo aver contratto il virus, Sonia si è aggravata, tanto da rendersi necessario il ricovero in ospedale. I medici si interrogano ancora se il Covid sia stata la causa principale del decesso oppure abbia contribuito insieme alla patologia di cui soffriva.

L’incubo è iniziato dopo la scoperta della positività del padre di Sonia. Tutti i familiari si sono sottoposti a tampone, così come da protocollo. A risultare positiva anche Sonia. Le sue condizioni sono subito preoccupanti. Con la febbre alta arriva il ricovero.  Da quel momento per Sonia la situazione è peggiorata drasticamente fino al decesso, sopraggiunto ieri sera.

Tanti in queste ore i messaggi di cordoglio sui social. «La triste notizia della prematura scomparsa di Sonia ci addolora e commuove profondamente. Ci stringiamo con affetto al dolore di Gina e della sua famiglia. A loro giungano le più sentite condoglianze del Partito democratico».

continua a leggere su Teleclubitalia.it