La Campania ha concluso la prima parte della campagna vaccinale, posizionandosi come la prima regione d’Italia ad aver somministrato in tempi rapidi tutte le dosi che le sono state consegnate.

Covid in Campania: smascherati decine di furbetti nella fila per i vaccini. C’è anche noto avvocato

Migliaia di sanitari hanno, infatti, risposto positivamente al richiamo della vaccinazione. Ne sono un esempio le immagini della Mostra d’Oltremare, dove in centinaia si sono disposti in fila, aspettando a lungo il proprio turno, per potersi vaccinare.

Ma non tutti i presenti, però, avevano il diritto di ricevere la prima dose del vaccino anti-covid. Smascherati e cacciati via ben 41 persone non appartenenti alla categoria dei sanitari. Tra loro un noto avvocato. E’ stato il direttore generale dell’Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, a riconoscerlo e a mandarlo via.

“Mi ha dato tre risposte fasulle, prima che gli dicessi che l’avevo riconosciuto. Poi, hanno visto tutti come l’ho cacciato. Così qualcuno si rende conto che non deve venire a farmi fesso”, dice il direttore generale della Asl.

Fermati, secondo quanto riporta Il Mattino, anche informatori medico-scientifici, personale non strutturato nelle case di cura convenzionate e cliniche private, medici in pensione, specialisti in buona fede.

“C’è chi ha mandato mogli, fidanzate e figli, indicandoli come collaboratori dell’ambulatorio: ma, senza contratto, non li abbiamo fatti passare”, spiega Fulvio Pavone, responsabile dei servizi informatici. “Ci hanno provato e hanno insistito. Strappato il foglio, li abbiamo fatti accompagnare alla porta”, aggiunge Verdoliva.

continua a leggere su Teleclubitalia.it