Verrà aperta un’inchiesta sul decesso di una donna di 50 anni, madre di due bambine, morta ieri mattina, per covid-19, al Rummo di Benevento.

Benevento, l’odissea di una madre di due bimbi: 4 tamponi negativi, poi la morte di Covid

I suoi familiari, attraverso l’avvocato Antonio Leone, hanno presentato una querela ai carabinieri, chiedendo che la Procura disponga l’autopsia. L’obiettivo è di fare piena luce sulla vicenda e stabilire se tutto sia stato fatto secondo i protocolli previsti.

Secondo una prima ricostruzione, la donna era stata ricoverata il 12 dicembre al Fatebenefratelli perché, affetta da una patologia oncologica, aveva la pressione alta. Successivamente i medici l’hanno sottoposta ad un doppio tampone, negativo il risultato.

Stesso esito anche per i successivi due tamponi praticati durante la degenza. Le sue condizioni sembravano essere migliorate al punto che i medici avrebbero deciso di dimetterla e mandarla a casa il 23 dicembre, così da consentirle di trascorrere il Natale in compagnia dei suoi affetti.

Ma così non è stato. Il 21 dicembre, la donna, dopo essersi sottoposta all’ennesimo tampone, è risultata positiva al Coronavirus. Il giorno dopo è stata trasferita al Rummo, dove il suo cuore ha smesso di battere. Adesso i familiari vogliono vederci chiaro e capire se vi siano eventuali responsabilità da parte del personale medico-infermieristico.

continua a leggere su Teleclubitalia.it