ordinanza ercolano vietato asporto

In provincia di Napoli, ad Ercolano, il sindaco ha emanato una nuova ordinanza con misure ancora più restrittive. Nel provvedimento, si legge, vietata la vendita di alcolici, stop all’asporto e anche alla vendita di fuochi di artificio dalle ore 12 del 31 dicembre alle ore 7.00 del 1 gennaio.

La nuova ordinanza del sindaco

Predisposta la chiusura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande nonché delle gastronomie artigianali, con facoltà della sola consegna a domicilio, mentre l’asporto e il delivery sarà concesso ai laboratori di pasticceria.

Inoltre dal 29 dicembre al 6 gennaio è fatto divieto di ogni tipo di fuoco d’artificio, al di fuori degli spettacoli autorizzati. Lo prevedono le due ordinanze firmate dal sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, in vista delle festività di Capodanno.

“Abbiamo inteso emanare misure maggiormente restrittive nell’esclusivo interesse dei cittadini, scrive il sindaco Ciro Buonajuto. Dopo quanto accaduto nel pomeriggio del 24 dicembre sarebbe stato molto più semplice procedere con una chiusura generalizzata, anche perché negli ultimi giorni, abbiamo registrato un aumento della curva dei casi di positività in città che, stando ai dati inviati dall’Asl, al momento sono 545. 

Questo provvedimento è arrivato anche alla luce dei fatti accaduti durante le festività natalizie. La città di Ercolano diventò teatro di una maxi rissa in strada tra residenti. (Video)

Leggi anche >> Ercolano, spunta il video di un’altra rissa con spari

continua a leggere su Teleclubitalia.it