precari sanità campania

“E’ un primo passo fondamentale per dare agli operatori precari della sanità una prospettiva di possibile stabilizzazione. Grazie a quanto approvato oggi in Consiglio, la Regione Campania invita le Asl ad allineare i contratti dei precari a 36 mesi, creando così i presupposti, utilizzando gli strumenti di legge, per una successiva stabilizzazione. Era un impegno che avevo preso in campagna elettorale e lo porterò avanti. Chi si occupa della nostra salute deve avere certezze”. Così oggi il consigliere regionale Giovanni Porcelli di Campania Libera sulla risoluzione da lui proposta e approvata con il documento di programmazione economica regionale che invita e suggerisce alle Asl di portare i contratti a 36 mesi così che saranno pronti per l’assunzione a tempo indeterminato i precari della sanità.

“Era un obbligo non solo politico ma umano. La nostra sanità deve continuare a migliorare e, per farlo, ha bisogno di persone che lavorino con la serenità di un contratto che li proietti verso il futuro”.

Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente della commissione Bilancio, Franco Picarone: “Accolta dal consiglio una istanza dei lavoratori precari e delle ooss. Si è dato un indirizzo alla giunta perché i contratti con i lavoratori sanitari a termine e socio sanitari siano di una durata di 36 mesi e che si allineino a tale durata i contratti in essere. Questo anche per evitare di perdere ulteriori risorse verso altre regioni che pongono in essere procedure concorsuali più appetibili”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it