giugliano violenta figlie

C’è la parola fine su un incubo durato ben tre anni. La Corte di Cassazione, come riporta il Mattino, ha condannato a 10 anni di carcere un 47enne di Giugliano accusato di abusi sessuali sulle figlie.

I fatti avvenivano solitamente la domenica pomeriggio a casa della nonna paterna. Questo fino a quando la più piccola delle figlie non ha detto tutto alla mamma. “Non ce la faccio più, te lo devo dire però non ti arrabbiare, babbo mi tocca nelle parti intime”. 

Da lì l’inizio per percorso giuridico. I giudici venerdì hanno dichiarato colpevole il 47enne residente a Licola. E’ stato ritenuto inammissibile il ricorso presentato dal legale dell’uomo che è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali nei confronti delle due figliolette, che all’epoca dei fatti avevano 9 e 13 anni, confermando la pena inflitta nei due precedenti gradi di giudizio che prevede anche un risarcimento danni nei confronti di ciascuna figlia di 50mila euro e di 10mila per la ex moglie.

Giugliano, violenta le figlie: condannato

I due genitori erano separati e la domenica le figlie si recavano a casa della nonna per trascorrere del tempo con il papà. Ed è lì che avvenivano gli abusi. L’imprenditore da due anni è agli arresti domiciliari proprio in quella casa. I fatti risalgono al periodo tra la fine del 2013 e l’inizio del 2017.

Stando ad alcune ricostruzioni, pare che dopo aver pranzato, l’uomo portava nella sua stanza da letto e abusava sessualmente di una delle due, mentre l’altra rimaneva nel salone a guardare la tv e la nonna dormiva. Le violenze hanno riguardato maggiormente la bambina di nove anni, che al contrario della sorella più grande non disertava gli appuntamenti con il padre. E fu proprio lei, dopo aver trascorso alcuni pomeriggi con l’uomo durante le festività per il Carnevale, a raccontare quell’incubo tra le lacrime.

Le due bambine sono poi nel corso del tempo state sottoposte a visite ginecologiche che hanno confermato i segni degli abusi sessuali riscontrando lesioni da manipolazione violenta, e a sedute con una psicologa che ha confermato la loro attendibilità.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it