Condannata a un anno e mezzo di reclusione una 53enne salernitana accusata di aver picchiato il marito. L’aggressione era arrivata dopo che l’uomo aveva scoperto la tresta che la consorte intratteneva con ben due amanti. A infliggere la pena il Gup di Salerno gerardina Romaniello all’esito di un giudizio abbreviato.

Salerno, il marito scopre che lei ha due amanti: lei lo picchia ma finisce in carcere

A riportare la notizia è il Mattino. La vicenda risale al 2016, quando l’uomo scopre la duplice tresca e le foto hot che la moglie indirizzava agli amanti. Persino le figlie della coppia sono a conoscenza di quanto accade tra la mamma e due uomini. Le ragazzine, entrambe minorenni, assistono quotidianamente agli episodi di violenza a cui è sottoposto il papà. In una circostanza il 50enne viene minacciato con un coltello da cucina, in un’altra occasione con un ferro da stiro.

E sono proprio le figlie della coppia a scovare quelle immagini sul telefono della madre, salvo poi decidere di tenere la bocca chiusa per evitare il divorzio. Quando però il padre scopre la verità, la situazione precipita. Come sottolineato nel corso della sua requisitoria dal legale di parte civile, l’avvocato Valentina Restaino, “i maltrattamenti sono iniziati solo allora: quando la donna ha capito che il giocattolo – la sua famiglia – si è rotto. Che nulla nella relazione col marito poteva tornare come prima se non a costo di un grosso e paziente sforzo di ricostruzione che lei, di fatto, non voleva fare”.

In uno degli ultimi litigi scoppiati tra le mura domestiche, la 53enne picchia il marito con calci, schiaffi e pugni e persino con un ferro da stiro. “Vi ammazzo e vi porto all’inferno con me”, minaccia all’intera famiglia. La situazione si trascina per altri giorni, finché il marito della donna, umiliato ed esasperato dalle violenze, non decide di rivolgersi ai carabinieri per denunciare quanto accaduto e intenare il procedimento di separazione.

continua a leggere su Teleclubitalia.it