Anche Giampiero Mughini contro Napoli. Si rinnova in questi giorni lo scontro tra l’ex giornalita sportivo e la città di Maradona. Dopo i ripetuti attacchi all’immagine e alla memoria del Pibe de Oro, Mughini ha preso di mira questa volta i partenopei che lo hanno criticato sui social. “Sono dei miserabili pezzenti”, ha detto.

Mughini contro i napoletani che lo criticano: “Miserabili pezzenti”

Lo scrittore è intervenuto negli studi di Tiki Taka. Si parlava, ancora una volta, dell’eredità sportiva e degli omaggi resi a Maradona nei giorni successivi alla sua morte. “Bisogna per forza dividere il ruolo di Maradona calciatore da quello dell’uomo? E’ un tutt’uno – ha dichiarato -. L’autodistruzione è una delle giocate che gli sono riuscite meglio. E’ indiscutibile la zaffata di bellezza, arte, creatività, personalità e umanità che ha portato. Un personaggio mai avvicinato, traboccava umanità, ivi comprese le dobolezze”.

Mughini ha poi aggiunto: “Quando però 6 miliardi di persone parlano di un protagonista letterario, ecco che la letteratura è la scienza della distinzione dei colori, non c’è il nero o il bianco. In un contesto di beatificazione, ai miei occhi grottesco, sono state fatte tante chiacchiere. Si giudicano solo le gesta del giocatore e non dell’uomo? Non voglio sentire le putt**ate che sto sentendo in questo periodo”.

In studio gli facevano notare che si è attirato in questi giorni le critiche (e qualche insulto) della tifoseria napoletana. Lo scrittore ha replicato duramente: “Sono dei miserabili pezzenti che sanno solo insultare sui social… Mancava che Maradona facesse i miracoli, sembrava che stessero per dire: altro che Papa Wojtyła, Diego sì che faceva miracoli. Artista indicibile, lo ripeto, ma l’uomo fa parte della sua figura”.

continua a leggere su Teleclubitalia.it