scontri napoli indagati

Sono 9 al momento gli indagati per gli scontri di Napoli la sera del 23 ottobre, giorno in cui entrava in vigore il coprifuoco in Campania. Pesantissime le accuse a loro carico. I reati contestati sono “devastazione e saccheggio, aggravati dalla matrice camorristica e dalla finalità terroristica eversiva”.

Scontri a Napoli: 9 indagati

Gli indagati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli sono coloro che ebbero un ruolo apicale nei violenti tafferugli tra manifestanti e forze dell’ordine avvenuti a Santa Lucia, davanti alla sede della Regione Campania, in coincidenza con l’entrata in vigore dell’ordinanza di coprifuoco disposta dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per contrastare la pandemia Covid.

Perquisizioni a tappeto

La Polizia ha eseguito un decreto di perquisizione emesso dallo speciale pool appositamente costituito dal procuratore di Napoli Gianni Melillo, composto dai sostituti procuratori Celeste Carrano, Luciano D’Angelo, Danilo De Simone, e Antonello Ardituro. La polizia giudiziaria ha acquisito, tra l’altro, cellulari, indumenti e supporti per la memorizzazione di dati.

Guerriglia a Napoli contro il coprifuoco, dalla protesta ai tafferugli: aggrediti i giornalisti

continua a leggere su Teleclubitalia.it