Giugliano. Il covid sta dando una batosta senza precedenti all’economia ma non a quella illegale. I malviventi sono infatti scatenati e nelle campagne giuglianesi proseguono i fenomeni illegali che continuano a danneggiare anche l’ambiente.

Qui siamo nella zona tra via Santa Maria a Cubito e zona Asi. A ridosso di uno dei campi rom, ecco il cimitero delle auto. Qui finiscono decine di veicoli rubati o usati dai balordi per commettere reati predatori come furti e rapine. Lo scenario è da brividi. Le macchine vengono cannibalizzate, sventrate per ricavare le parti che finiscono  sul mercato nero e date alle fiamme, innescando così numerosi roghi tossici che continuano ad avvelenare l’area con colonne di fumo nero. 

Il posto è sempre lo stesso e chi conosce la zona racconta di un flusso continuano di veicoli che finiscono qui. Numerose le segnalazioni di agricoltori e residenti del posto che chiedono un intervento concreato per fermare l’ennesima situazione di illegalità alla luce del sole. 

VIDEO:

continua a leggere su Teleclubitalia.it