studenti interrogati bendati

“Studenti bendati in videoconferenza per l’interrogazione per evitare che possano sbirciare dal libro o dagli appunti. E’ questa la segnalazione che ci è arrivata da diversi genitori degli alunni di un liceo Renato Cacciappoli di Scafati riportata sul sito cronachedellacampania.it, fortemente critici con una pratica ritenuta di pessimo gusto e poco formativa per i ragazzi.

Studenti interrogati bendati

Non è un momento facile sicuramente né per gli studenti né per gli insegnanti. Proprio per questo, forse, è il caso di utilizzare sempre delicatezza e comprensione. Bendare gli studenti è sicuramente un metodo non ortodosso, per questo abbiamo scritto alla scuola per chiedere spiegazioni e capire come sia potuto accadere.

Ci saranno sicuramente altri metodi per evitare che i ragazzi, durante un’interrogazione, sbricino dal libro. Abbiamo inoltre presentato un’interrogazione all’assessore regionale per la Pubblica Istruzione, Lucia Fortini, per capire come sia potuto avvenire ciò e per chiedere di verificare se questo accade anche in altri istituti”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde, sollecitato da diversi genitori.

continua a leggere su Teleclubitalia.it