Casoria. E’ morto il gattino colpito con un calcio e scaraventato contro il muro da un ragazzino a Casoria. A riferirlo è Liv Onlus, ente che tutela gli animali sui canali social. Secondo l’associazione il filmato sarebbe stato pubblicato circa un mese fa. In seguito alle violenze l’animale sarebbe deceduto.

Casoria, scaraventato contro il muro per un video: il gattino non ce l’ha fatta

Il gattino è morto. Quando, ormai 5 ore fa ci arrivò quel video, decidemmo come in tanti di pubblicarlo, per darne notizia e cercare di capire chi fossero gli autori del vile gesto”, spiega Liv Onlus in un post su Facebook.

“All’inizio le notizie erano frammentarie, confuse, solo dopo un paio d’ore scoprimmo che il post era di circa un mese fa, ma che era stato reso pubblico solo oggi. Tuttavia, ci arrivarono telefonate in cui si affermava che potesse essere ancora vivo e che persone il giorno dopo sarebbero andate a cercarlo”, aggiunge.

L’episodio è stato ripreso da alcuni coetanei che erano con il giovane e successivamente caricato sul popolare social network “Tik Tok”.

Sulla terribile vicenda è intervenuto il consigliere regionale Franco Emilio Borrelli: “Mi sono attivato subito per colpire l’autore di un tale gesto – scrive Borrelli sul suo profilo Facebook – e avere notizie del povero animale. Dai grugniti che emettono i presenti è difficile capire qualcosa. Li stiamo braccando”. Dopo la pubblicazione del filmato è partita la caccia al responsabile dell’insano gesto così come degli altri ragazzi che hanno filmato la scena senza intervenire.



continua a leggere su Teleclubitalia.it