meteo ok

Calo delle temperature in arrivo. Il caldo africano di questi giorni che sta interessando l’Italia potrebbe avere le ore contate. L’inizio della prossima settimana sarà segnato da un calo di circa 10 gradi. Da lunedì 3, infatti, secondo ilmeteo.it “un vortice atlantico impatterà sull’Italia provocando una fase di maltempo con temporali localmente anche molto forti”.

Meteo: calo delle temperature

Da lunedì, spiegano gli esperti, “un insidioso vortice ciclonico, sospinto da correnti più fresche (in quota) e instabili di origine atlantica, riuscirà a far breccia nell’anticiclone, provocando un’incisiva fase di maltempo. Attenzione perché a causa della tanta energia in gioco non escludiamo la possibilità di eventi meteo estremi come grandinate e nubifragi, in particolare tra basso Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Piogge e rovesci interesseranno entro la serata anche Liguria, Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige. Andrà meglio sul resto dell’Italia, salvo per un aumento della nuvolosità su buona parte del Centro”.

inlineadv

“Questo blitz temporalesco sferrerà anche un duro colpo all’ondata di caldo – prosegue iLMeteo.it – con le temperature che scenderanno di diversi gradi, riportandosi su valori più consoni al periodo o anche leggermente al di sotto della media”.

Martedì 4 “il vortice si allontanerà velocemente dal nostro Paese provocando le ultime piogge solamente sull’arco alpino orientale e, nel corso del pomeriggio, tra le zone interne di Marche e Abruzzo. Altrove il sole tornerà a splendere in maniera più decisa”.

Successivamente, tra mercoledì 5 e venerdì 7 “non sono previsti particolari scossoni, con l’alta pressione che riuscirà a riprendersi gli spazi perduti, garantendo una maggiore stabilità atmosferica e anche un nuovo aumento delle temperature su buona parte dei settori. Qualche rovescio potrà interessare quasi esclusivamente le aree montuose alpine e prealpine nel corso delle ore pomeridiane: insomma, i classici temporali estivi di calore”.

Da sabato 8 “correnti più instabili di origine atlantica torneranno a portare un po’ di scompiglio, specie al Nordovest, provocando qualche temporale, dapprima sui rilievi, ma con fenomeni poi in estensione anche alle pianure circostanti”, concludono gli esperti.

related