La Cassazione ha annullato l’aggravante per associazione mafiosa per l’ex sindaco di Marano Mauro Bertini. I giudici hanno così accolto il ricorso del penalista Ivan Filippelli, disponendo una nuova valutazione del Riesame di Napoli.

Dei reati contestati a Bertini, restano solo le due presunte corruzioni risalenti al 2006 che, con l’annullamento dell’aggravante mafioso, verranno prescritte in quanto ritenute dalla Cassazione non legate alla vicenda di camorra. L’ex sindaco resta agli arresti domiciliari, in attesa del Riesame, e affronterà a settembre la seconda udienza del processo che si celebra a Napoli nord.



continua a leggere su Teleclubitalia.it