Napoli. Caos e tafferugli con la Polizia a Piazza Bellini, nel cuore del centro storico di Napoli.

I poliziotti, giunti sul posto, nell’identificare alcune persone in piazza Bellini, sono stati insultati, accerchiati e minacciati da numerose persone, come denunciato in una nota dalla Questura di Napoli.

inlineadv

Napoli, caos a Piazza Bellini: poliziotti fermano alcuni giovani e la folla li accerchia

Gli agenti hanno riportato contusioni e le stesse auto di servizio sono state danneggiate. Il Questore di Napoli: “Gli operatori delle Volanti hanno gestito la situazione con equilibrio, a fronte di un inaccettabile comportamento aggressivo e minaccioso di decine di persone. Verrano svolte indagini per individuare i responsabili di queste condotte”.

Il caos sarebbe nato dopo la richiesta durante i controlli degli agenti dei documenti per tre persone ferme in un’auto.

“I video pubblicati da chi questa sera era in piazza Bellini mostrano chiaramente ciò che è successo, un’azione di forza e di abuso di potere contro tre persone. Tre attivisti, ma poteva succedere a qualsiasi cittadino, sono stati fermati dagli agenti per un controllo, tra di essi uno non aveva con sé i documenti. Tre attivisti sono stati portati con la forza al commissariato di polizia di via Bernardo Tanucci senza alcuna valida motivazione”. È quanto si legge in un comunicato del centro sociale Insurgencia di Napoli in merito a quanto avvenuto ieri sera a piazza Bellini, dove tre attivisti del centro sociale sono stati fermati per un controllo. Pare che i tre siano stati trasferiti nel carcere di Poggioreale, in attesa della convalida dell’arresto.

VIDEO

Piazza Bellini nel CAOS

Da quello che si capisce doveva essere un fermo per identificazione in Piazza Bellini, solo che si è scatenato il putiferio con una folla urlante contro gli agenti che hanno dovuto chiamare rinforzi. Sono accorse così una decina di volanti. Il fermo di identificazione è una formalità necessario quando il cittadino è privo di documenti di identità. Ci sembra assurdo che sia accaduto tutto questo anche se ce lo aspettavamo. In Piazza Bellini si raduna una folla ingovernata ed ingovernabile e di cui abbiamo sempre denunciato la grave compromissione di ordine e sicurezza pubblia. Questa volta gli agenti sono stati assaliti e sono riusciti a portare in questura i fermati. Ad essere coinvolto nel fermo pare vi sia anche un rappresentante di un centro sociale "famoso". La nostra solidarietà va ai lavoratori che ieri sera hanno cercato di fare semplicemente il loro dovere d'ufficio. Siamo ovviamente preoccupati questo clima non fa bene a nessuno. Occorre equilibrio ma quando c'è una folla urlante è difficile che si raggiunga. Dal filmato si vede che gli agenti hanno contenuto la folla, sono stati bravi era facile commettere un errore. I fermati avrebbero potuto mostrare i documenti ovvero andare in questura per farsi identificare tutto questo non sarebbe accaduto…. Il tutto è il frutto di una propaganda che professa l'anarchismo il cui ideologo maximo è Luigi De Magistris che professa una sorta di allergia alle regole. Come dire "Occorre essere schiavi della legge per essere liberi" diversamente prevale la legge del più forte ed a rimetterci sono solo i più deboli ….

Posted by Comitato Vivibilità Cittadina on Sunday, June 14, 2020

related