de luca conferenza 24 aprile

“Dovremo affrontare una seconda ondata a ottobre di coronavirus. Facciamo gli scongiuri che non sia così, ma gli epidemiologi sono concordi su questo scenario”. A dirlo è il governatore Vincendo De Luca nel corso della conferenza stampa tenuta il 24 aprile.

De Luca: “Elezioni forse a fine luglio. A ottobre ci sarà seconda ondata”

Questa precisazione il Presidente del Consiglio l’ha fatta parlando di elezioni amministrative, slittate per via dell’emergenza. “La nuova data va fissata in condizioni di sicurezza col Ministero della Salute. L’ultima settimana di luglio potrebbe essere una finestra temporale utile. Altrimenti, se l’epidemia non è contenuta, se ne parla nella primavera del 2021. A settembre riaprono le scuole e a ottobre ci sarà la prima ondata influenzale e probabilmente la seconda da coronavirus”.

Polemiche Nord e Sud

Il governatore è intervenuto di nuovo sulle polemiche Nord e Sud scatenate anche dopo la sua proposta di isolare la regione Campania per evitare contagi dal Nord. “A Milano ci sono ancora più di mille nuovi casi positivi. Vero che bisogna convivere col virus, ma solo se abbiamo ridotto il contagio a una dimensione marginale. In alcune zone del Nord è ancora necessario combatterlo. Non dobbiamo alimentare nuovi focolai nelle regioni dov’è sotto controllo”.

Poi rincara la dose: “C’è chi ha l’abitudine di impartire lezioni al Sud. A volte però siamo anche noi in grado di darne. Ci sono realtà al Sud di eccellenze mondiali, il Cotugno è il primo ospedale al mondo per efficienza nella battaglia al virus. Dobbiamo essere orgogliosi della prova di efficienza che abbiamo dato. Dovremmo parlare di Sud quando si parla di spesa storica. Dal fondo sanitario nazionale, ad esempio, riceviamo 45 euro pro capite in meno rispetto al resto d’Italia”.

Fase 2, mascherine e attività ordinaria negli ospedali

Sarà una fase 2 all’insegna della normalizzazione. Secondo il Presidente della Regione bisognerà riattivare l’attività ordinaria degli ospedali dopo la creazione degli ospedali Covid. E poi realizzare una campagna massiccia di tamponi per affrontare i focolai rimanente o che stanno nascendo. Tre i fronti della campagna di testing. “Faremo un lavoro mirato su strutture di accoglienza per anziani pubbliche e private – dichaira De Luca -. La morte di centinaia di anziani è stata un delitto di cui dovremmo vergognarci. Poi tamponi sui parenti dei positivi e infine sul personale sanitario”.

Per evitare i contatti nei reparti ospedalieri sarà invece promossa una rete di medicina territoriale, così da ridurre l’attività ambulatoriale. Infine per la seconda fase ci sarà l’uso obbligatorio delle mascherine per tutti. “Il programma di distribuzione delle mascherine – dichiara De Luca – è elaborato in maniera gratuita dalla Regione”. Realizzeremo rete di medicina territoriale e ridurremo attività ambulatoriale”.

Riapertura delle attività commerciali

L’ultimo capitolo dell’intervento di De Luca riguarda le attività commerciali. Ribadisce che da lunedì riapriranno molti negozi e che riprenderanno i lavori di ristrutturazione degli alberghi, ma nel rispetto del “distanziamento sociale e dell’uso dei dispositivi di sicurezza”. Con l’invito di “mantenere il massimo rigore”. “Non torniamo a com’eravamo tre mesi fa – specifica -. Non si riapre la movida, come mi ha chiesto qualcuno. Molti cittadini e imprenditori non hanno ancora capito che noi riprendiamo le attività in un contesto di prudenza e di tutela rispetto al pericolo di ripresa dei contagi”.



continua a leggere su Teleclubitalia.it