15enne ucciso carabiniere arresti

Napoli. Scattano gli arresti per nove persone, tutte accusate di aver devastato il pronto soccorso dopo il decesso di Ugo Russo, il 15enne ucciso per mano di un carabiniere durante un tentativo di rapina.

Napoli, 15enne ucciso da carabiniere: nove arresti

È l’ultimo blitz messo a segno dalla Dda di Napoli nelle indagini legate alla morte del 15enne. La Polizia di Stato ha dato esecuzione a due ordinanze applicative di misura cautelare emesse rispettivamente dal G.I.P. del tribunale di Napoli che dispone la misura carceraria nei confronti di 7 persone e dal G.I.P. presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli che dispone la misura della permanenza in casa per 2 minori. Tra i destinatari anche alcuni parenti (non i genitori) del minorenne ucciso.

inlineadv

Lo scorso 9 marzo i carabinieri avevano già fermato due giovani per un altro atto criminale successivo alla morte di Ugo: i colpi di pistola esplosi contro la caserma Pastrengo, sede del Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli. Furono fermati Vincenzo Sammarco, 22 anni, e di Giovanni Grasso, 23 anni, cugino di Ugo Russo, figlio della sorella del padre, Vincenzo. Per loro l’accusa di detenzione di armi da fuoco, violenza privata e danneggiamento (in questo caso esplodendo i colpi di pistola), con l’aggravante del metodo mafioso.

I nomi degli arrestati

Rintracciate sinora sette persone:

1. GRASSO Giovanni, detto Ivan, nato a Napoli il 26.5.1997;

2. MANCINI Gennaro nato a Napoli il 3.6.1972;

3. INCORONATO Michele, nato a Napoli il 3.6.1974;

4. PALUMBO Lucia, nata il 26.03.1978 a Napoli;

5. RUSSO Maria Pia, nata a Napoli il 20.4.1977;

6. GRASSO Salvatore,  nato a Napoli il 2.8.1975;

7. MAZZOCCHI Salvatore, nato a Napoli il 26.11.1994.

In considerazione dei gravi indizi di colpevolezza raccolti per i reati di devastazione e saccheggio, interruzione di un servizio di pubblica necessità, violenza privata e resistenza a pubblico ufficiale, tutti aggravati dal metodo mafioso.

related