mugnano

Mugnano. E’ deceduta all’ospedale di Giugliano una donna di 55 anni, originaria di Mugnano, anche lei positiva al Coronavirus.

La donna, che è la quarta vittima da Covid-19 in città, era risultata positiva alla Covid-19, dopo la scomparsa del padre, anche lui infetto. Come riporta Il Mattino, la paziente si era isolata, insieme con altri familiari, alcuni dei quali contagiati, ed era rimasta in quarantena.

Ripetuto il tampone due volte, come da prassi, era risultata finalmente negativa ai test ed era stata inserita nell’elenco ufficiale dei guariti.

Il malore

Ma due giorni fa le sue condizioni di salute sono peggiorate. La donna ha accusato un malore improvviso ed è stata subito ricoverata in ospedale. I medici del San Giuliano hanno fatto di tutto per salvarle la vita, ma la 55enne non ce l’ha fatta. È morta, infatti, nella giornata di ieri e a stroncarla, secondo i familiari, sarebbe stato un ictus.

Altri invece riferiscono che a provocare il decesso sia stata una leucemia fulminante. La salma della donna è stata infatti sottoposta – come previsto dai protocolli sanitari – a un ulteriore tampone. Il test, però, ha dato ancora una volta esito positivo.

La morte della donna è inspiegabile. Al momento i medici ipotizzano che il virus possa essere rimasto dormiente nell’organismo della paziente ed essersi riattivato nei giorni antecedenti al decesso.

Un’altra ipotesi è che la donna sia stata contagiata una seconda volta o che si sia verificata un’anomalia nell’esecuzione dei tamponi che avevano dato esito negativo. Secondo i medici, ancora non è chiaro se l’immunità sviluppata dai pazienti guariti dal Covid-19 sia persistente o meno.

40 contagi a Mugnano

A Mugnano sono quaranta i contagiati, per lo più operatori sanitari che lavorano negli ospedali di Napoli e che a loro volta hanno contagiati i loro familiari e più stretti congiunti. Sono 150 invece le persone tuttora in quarantena cautelativa.

Di recente il sindaco di Mugnano ha firmato un’ordinanza che obbliga i cittadini ad indossare le mascherine nei negozi e negli uffici, vietando tra l’altro a coloro che sono in fila di fumare.



continua a leggere su Teleclubitalia.it