Gli scienziati del MIGAL Research Institute in Israele prevedono di iniziare a produrre un vaccino Covid-19 nelle prossime otto-dieci settimane, basato sul loro vaccino contro il virus della bronchite infettiva da coronavirus (IBV).

Il team ha sviluppato il vaccino IBV dopo quattro anni di ricerca, finanziato dal Ministero della Scienza e della Tecnologia del paese e condotto in collaborazione con il Ministero dell’Agricoltura.

inlineadv

L’IBV è una malattia che colpisce il pollame e il nuovo vaccino è risultato efficace negli studi preclinici presso l’Istituto Volcani.

I ricercatori hanno scoperto un potenziale candidato al vaccino Covid-19 come sottoprodotto del vaccino IBV. Hanno apportato alterazioni genetiche per adattare il vaccino IBV al ceppo umano del nuovo coronavirus.

Secondo i risultati della ricerca, il coronavirus del pollame possiede un’elevata somiglianza genetica con Covid-19 e utilizza lo stesso meccanismo per l’infezione.

Attualmente, il team sta lavorando per l’approvazione dei test in vivo e l’avvio della produzione.

David Zigdon, CEO del MIGAL Galilee Research Institute, ha dichiarato: “Data l’urgente necessità globale di un vaccino contro il coronavirus umano, stiamo facendo tutto il possibile per accelerare lo sviluppo. Il nostro obiettivo è produrre il vaccino nelle successive otto-dieci settimane e ottenere l’approvazione della sicurezza in 90 giorni.

“Questo sarà un vaccino orale, che lo renderà particolarmente accessibile al grande pubblico. Attualmente stiamo discutendo intensamente con potenziali partner che possono aiutare ad accelerare la fase di sperimentazione sull’uomo e ad accelerare il completamento dello sviluppo del prodotto finale e le attività normative. ”

Il leader del gruppo MIGAL Biotechnology, il dott. Chen Katz, osserva che il quadro scientifico del vaccino proviene da un nuovo vettore di espressione proteica.

Il vettore forma e genera una proteina solubile chimerica, che trasporta l’antigene virale nei tessuti della mucosa attraverso l’endocitosi autoattivata. Questo stimola il corpo a formare anticorpi contro il virus.

In studi preclinici, è stato scoperto che la vaccinazione orale innesca alti livelli di anticorpi specifici anti-IBV.

related