Qualiano Pietro Castrizia

Qualiano. Carabinieri in azine, uomo del clan arrestato per usura. Aveva contratto un debito di 20 mila euro ma doveva restituirne 43mila. Stretto nella morsa dell’usura, un imprenditore di Villaricca ha denunciato tutto ai carabinieri della stazione di Qualiano. Secondo quanto accertato dai militari, l’uomo, in forti difficoltà economiche, aveva chiesto a Pietro Castrizia –  48enne ritenuto vicino al clan “Pianese” di Qualiano – un prestito di 20 mila euro.

Leggi anche >> Giugliano, usura ed estorsione per il clan Mallardo: arrestati il boss Trambarulo e la fidanzata

Qualiano, arresto per usura

Castrizia, oltre alla restituzione della somma inizialmente pattuita, aveva però chiesto altri 23mila euro, con rate distribuite bisettimanalmente.
I militari hanno così organizzato un incontro e bloccato il 48enne mentre incassava dalla vittima una “rata” da 250 euro.

Perquisita anche la sua abitazione, i carabinieri hanno trovato diversi appunti contabili verosimilmente legati all’attività usuraria e 430 euro in contante ritenuto provento illecito. Castrizia è stato tradotto al carcere di Poggioreale. Dovrà rispondere di usura.



continua a leggere su Teleclubitalia.it