ancelotti napoli contratto

Il contratto di Carlo Ancelotti con la società calcio Napoli fa veramente molto discutere. “Se vi dicessero che un presidente ha le chiavi d’accesso degli account social del suo allenatore, e che la cosa è stata messa addirittura a contratto, proposta, accettata e controfirmata, voi ci credereste?”

Inizia così un pezzo del Fatto Quotidiano dedicato a CarloAncelotti, nel quale vengono riportate alcune clausola presenti nel rapporto contrattuale tra il tecnico e la SSC Napoli

  • – l’allenatore “non ha diritto di interferire nelle scelte gestionali e aziendali della Società”
  • – l’allenatore “si impegna a condividere e redigere con la Società ogni comunicato e/o espressione del proprio pensiero diffusa su qualsivoglia mass media”
  • – impegno a rispettare le strategie di comunicazione della Società e a non rivelarne dettagli, la violazione determina una penale di euro 100.000 per ciascun inadempimento

Il contratto di Mr. Ancelotti a Napoli

Emergono dettagli davvero controversi in merito al contratto di Ancelotti al Napoli. L’allenatore emiliano avrebbe accettato alcune clausole regolarmente inserite all’interno del documento che certifica il suo rapporto di collaborazione con il club di Aurelio De Laurentiis. Clausole che fanno discutere, dopo l’approfondimento riportato dal quotidiano ‘Il Fatto Quotidiano. Proprio in merito al contratto Ancelotti Napoli viene anzitutto specificato quale sia il reale stipendio dell’ex allenatore di Milan e Real Madrid. Ovvero circa 3,5 milioni di euro all’anno (netti), che diventano quasi 4 allo scattare della terza stagione. E non i 6,5 mln annui vociferati fino ad oggi.

“Regole da rispettare su ogni cosa, anche sulle auto da usare”

“Tutte le decisioni in merito all’organizzazione dei ritiri pre-partita della Prima Squadra e la relativa durata degli stessi dovranno essere oggetto di preventiva condivisione tra l’allenatore e la Società. Ovvero Ancelotti decide zero, la SSC Napoli tutto. Poi lo stesso Ancelotti “cede al club i propri diritti di immagine in cambio di un compenso di 406.275,00 euro. Deve presenziare a tutti gli impegni necessari al club e spostarsi con le auto fornite da quest’ultimo, che non possono in alcun caso essere cambiate, cedute a terzi, portate in officine non autorizzate”. Ed ancora: “L’allenatore si impegna a custodire con diligenza gli indumenti ed i materiali forniti dal club. Deve rifonderne il valore se smarriti o deteriorati per colpa sua. Il Club ha il diritto di accedere al sito internet ed alle piattaforme social dell’Allenatore, inserendo espresse comunicazioni anche a nome dell’allenatore”.

“Ogni dichiarazione di Ancelotti sarebbe pilotata”

In parole povere, qualsiasi cosa esca dalla bocca di Ancelotti viene pensata dalla società, stando a quanto riportato dal giornale di Marco Travaglio. Il Napoli sta vivendo un momento estremamente complicato, con lo spogliatoio spaccato in diversi gruppi. Resta per ora a salvare la stagione solamente la Champions League, con l’obiettivo dell’accesso agli ottavi di finale alla portata. Per la prossima stagione si attende però un repulisti generale. Molti volti attuali con tutta probabilità non ci saranno più. Allenatore compreso.



continua a leggere su Teleclubitalia.it