Rolex, Tiffany e Pandora tarocchi, arrestato noto orafo del Tarì. IL NOME

Rolex, Tiffany e Pandora tarocchi, arrestato noto orafo del Tarì. IL NOME

Caserta. Gli agenti della Polizia di Stato di Caserta hanno dato esecuzione questa mattina all’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di Gennaro Piscopo, 48enne residente a Napoli, responsabile dei reati di contraffazione e ricettazione di oggetti preziosi riconducibili a diverse griffe europee e mondiali, quali Tiffany, Chantecler, Pandora, Damiani, Rolex, Crivelli, Le Bebé e Tiffany.

Le indagini si sono articolate a seguito di controlli operati presso il noto centro orafo “II Tari” di Marcianise, dove è stato accertato che Piscopo aveva allestito un vero e proprio laboratorio per la produzione di oggetti preziosi contraffatti prendendo in locazione due “moduli” presenti all’interno del centro orafo.

L’indagine, diretta dalla Procura della Repubblica e delegata alla Squadra Mobile di Casetta, operante con il supporto della Divisione Polizia Amministrativa della Questura, ha avuto inizio nel 2017 con il sequestro di monili contraffatti e numerosissimi calchi e forme in gomma, utili alla riproduzione illecita di marchi riferiti a griffe di lusso all’interno di un modulo del Tari preso in locazione da Gennaro Piscopo.

L’attenzione degli inquirenti si concentrava anche su alcune gioiellerie, situate nella zona del napoletano, con cui Piscopo aveva stretti contatti di carattere commerciale e che verosimilmente si interessavano di vendere al pubblico i monili contraffatti.

Si registravano anche diversi tentativi di inquinamento probatorio da parte dell’indagato che, con l’ausilio di gioiellieri e privati compiacenti, tentava di dimostrare la sua estraneità alla contraffazione, producendo agli inquirenti e al Tribunale del Riesame falsa documentazione attestante il suo ruolo di mero orafo addetto alla riparazione di gioielli. L’attenta verifica dei gommini in sequestro consentiva di dimostrare con certezza che i monili in sequestro era sicuramente riconducibili all’attività delittuosa del Piscopo. Dopo una breve pausa, il Piscopo aveva riorganizzato la sua attività, prendendo in locazione un nuovo modulo presso il Tari, dove attraverso macchinari specializzati e nuovi calchi /gommine, aveva dato vita ad una nuova centrale del falso.

Avendo avuto contezza di ciò, la Divisione Polizia Anticrimine e della Squadra Mobile procedeva ad un controllo di iniziativa e si rinveniva presso detto modulo altri oggetti contraffatti e ben 377 calchi/gommine, così dimostrandosi la reiterazione della condotta criminosa da parte del prevenuto.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.