Napoli, rivolta nel carcere di Poggioreale: “Situazione incandescente”


Napoli. Alta tensione nel carcere Poggioreale dove è in atto una rivolta da parte della quasi totalità dei detenuti ristretti nel Padiglione Salerno (circa 300). Una situazione incandescente – denuncia il sindacato Sappe – con una sezione detentiva distrutta dai rivoltosi. “La situazione è molto grave”, dice Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del

Napoli, rivolta nel carcere di Poggioreale: “Situazione incandescente”

Napoli. Alta tensione nel carcere Poggioreale dove è in atto una rivolta da parte della quasi totalità dei detenuti ristretti nel Padiglione Salerno (circa 300). Una situazione incandescente – denuncia il sindacato Sappe – con una sezione detentiva distrutta dai rivoltosi.

“La situazione è molto grave”, dice Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe. “Ci arrivano da Poggioreale – prosegue – segnali allarmanti di una crescente tensione, con i detenuti che dopo aver sfasciato interamente parte del padiglione Salerno stanno continuando da ore a minacciare gli agenti di polizia Penitenziaria in servizio nelle sezioni detentive con i piedi di legno dei tavoli e manici di scope. Sembra che stessero protestando per sollecitare il ricovero di un detenuto con la febbre”. Non si registrano contatti tra detenuti e agenti, né feriti. Sul posto c’è il pm di turno che sta dialogando con i rivoltosi. Atteso l’arrivo di personale di Polizia Penitenziaria.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.