Come gestire il bankroll nelle scommesse sportive

Una corretta gestione del proprio bankroll è il punto fondamentale per tutti i giocatori che operano sia nelle scommesse sportive sia sui casino online con bonus gratis senza depositare presenti sul web. È un dettaglio non da poco che distingue lo scommettitore professionista dal dilettante.

Insomma, il money management è l’unico modo per aver successo sul lungo periodo, applicare la giusta strategia in relazione alla somma che si ha a disposizione per giocare è la strada che ogni appassionato dovrebbe seguire.

Stabilire un bankroll proporzionato alle proprie possibilità economiche

Il primo passo da compiere è probabilmente quello più importante. Il giocatore di successo sa che può anche perdere ma è importante limitare i passivi. È per questo motivo che scegliendo un capitale iniziale bisogna entrare nell’ordine di idee che quei soldi potrebbero essere persi. Quindi, va da sé che non dovrebbe pesare in modo eccessivo questa perdita nell’ambito delle proprie finanze domestiche. Insomma, bisogna scegliere una cifra che si è disposti a perdere.

Stabilito ciò va fatta un’altra scelta che poi dovrà essere portata avanti almeno nella prima parte del cammino intrapreso nel betting: fissare l’importo di ogni singola giocata. Un buon compromesso potrebbe essere puntare il 5% massimo del proprio bankroll per una scommessa unica. Questo stake dovrà poi essere mantenuto anche nel caso in cui dovessero arrivare le prime vincite: soltanto in seguito, se si è sicuri, si può provare a ricalcolare il bankroll e aumentare così le puntate. Ma, in linea di massima, il suggerimento è quello di non superare il limite del 5% e di non farsi ingolosire da qualche filotto positivo.

Scommettere sulle singole o sulle multiple?

Non è un segreto, i grandi giocatori preferiscono sempre puntare su scommesse singole. Le multiple, anche se composte da partite con quote basse, rappresentano un rischio troppo elevato.

Il tutto, lo ribadiamo, va inteso sempre nell’ottica del lungo periodo, lasciando quindi perdere le vincite una tantum che di certo possono capitare nella vita. Ma che poi di solito sono accompagnate da lunghe serie di perdite.

Riuscire quindi a gestire il proprio bankroll con giocate singole, preferibilmente con quote comprese tra l’1.70 e il 2.30, dovrebbe portare quindi a buoni risultati in prospettiva. Ed è importante, in questo senso, cercare di mantenere la stessa strategia non solo nel caso di qualche vincita consecutiva, come abbiamo sottolineato in precedenza, ma anche con qualche sequenza negativa. Alla lunga, e con una buona riflessione su quote e mercati, i guadagni non sono di certo assicurati ma le probabilità di vincita sono di certo più alte.

Cercare di sfruttare al meglio i bonus che offrono i vari bookmakers, con conseguenti aperture di diversi conti, è inoltre una strada per poter contare su un bankroll anche maggiore di quello inizialmente preventivato. Senza dimenticare che avere a disposizione più account permette anche di poter confrontare le quote e scegliere le più allettanti per la propria giocata.

Una gestione corretta del denaro, aiutandosi se possibile anche con qualche tool online che permetta di tenere sotto controllo le giocate, è il primo passo per diventare uno scommettitore di successo. O quantomeno non perdente.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.