Julien spagna

La casa di Totalán dove i genitori del piccolo Julen, il bambino di 2 anni caduto in un pozzo il 13, erano rifugiati, è stata la scena questa mattina di momenti di tensione e di grida quando ha saputo dove si trova il suo corpo senza vita.

Nei minuti prima che la posizione del cadavere venisse annunciata ufficialmente, nella casa in cui si erano fermati per diversi giorni i genitori del bambino, si sono sentite grida di “nuovo no!, di nuovo no!”, Forse riferendosi all’altro figlio, 3 anni, Oliver, fratello maggiore di Julen, che la coppia ha perso alcuni anni fa per un malore improvviso mentre passeggiavano sulla spiaggia.

Diversi operatori che erano nelle vicinanze della casa hanno dovuto lasciare il posto in fretta, per non arrecare ulteriore danno ai genitori del bambino e le persone che li hanno accompagnati.

I genitori di Julen, che hanno ricevuto sostegno psicologico durante il periodo in cui le squadre di soccorso hanno cercato il loro figlio, hanno subito una forte tensione che ha fatto sì che José Roselló, padre del bambino, dovesse essere curato dai servizi sanitari La scorsa notte a causa di un attacco d’ansia.

Leggi anche:

Portato via il corpo senza vita di Julen. Il bimbo del pozzo era gia volato in cielo

Julen nel pozzo. Il web senza vergogna.

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it