Lecce, esplode fabbrica di fuochi d’artificio: Gabriele muore a 19 anni. Ferito altro operaio

Lecce, esplode fabbrica di fuochi d’artificio: Gabriele muore a 19 anni. Ferito altro operaio

Dramma alle porte di Lecce. Una fabbrica di fuochi pirotecnici è esplosa. Morto il figlio del titolare, Gabriele Cosma, 19 anni. La tragedia si è consumata questa mattina poco dopo le 8 ad Arnesano, nello stabilimento di famiglia dove lavorava.

Gravemente ferito anche un operaio di Carmiano di 43 anni, Gianni Rizzo, presente al momento dell’esplosione. L’uomo è stato stato trasportato d’urgenza presso il Centro grandi ustionati dell’ospedale Perrino di Brindisi. Lo scoppio ha fatto cadere anche parte della tettoia della fabbrica. Sul posto i vigili del fuoco di Lecce e il personale dello Spesal. Sulla vicenda indaga il nucleo investigativo dei carabinieri di Lecce.

La famiglia Cosma è originaria di Novoli, ma da molto tempo vive a Monteroni. La ditta Cosma è conosciuta in tutto il Sud Italia, l’anno scorso sono stati i Cosma i protagonisti e gli artefici dello settacolo dell’accensione della Focara. Gabriele aveva seguito sin da ragazzo l’attività lavorativa di famiglia, che aveva visto protagonisti prima il nonno – fondatore dell’azienda pirico Fratelli Cosma – e poi il padre, Dario, e gli zii Andrea e Gianluca.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.