teresa trematerra morta causa incidente torre del greco tufino

E’ ancora sotto choc la città di Torre del Greco per la prematura scomparsa di Teresa Trematerra, la 28enne (29 anni il prossimo 4 giugno) deceduta in un tragico schianto sull’A16, all’altezza di Tufino, in provincia di Napoli.

Intanto si indaga sulle probabili cause del sinistro. Teresa ha perso il controllo del veicolo, probabilmente a causa di un colpo di sonno. Era mezzanotte passata quando stava percorrendo l’autostrada per tornare in Puglia, dove era stata assunta da Zara in un centro commerciale dopo aver lavorato alla Cartiera di Pompei. Aveva trascorso il primo maggio con la famiglia e il fidanzato, Francesco. Ma in Puglia non è mai rientrata.

E’ buio, la strada è illuminata appena dai lampioni dell’autostrada. Poco prima del casello autostradale di Tufino, a due passi dal comune di Baiano, l’auto di Teresa, una Ford Fiesta, sbanda paurosamente e si schianta contro il guardrail. Lo schianto è devastante e la 28enne sarebbe morta sul colpo. Inutile l’intervento dei sanitari del 118 e della Polizia stradale di Avellino Ovest: per la ragazza non c’era più niente da fare.

Intanto la Procura ha disposto il sequestro sulla salma di Teresa, che sarà poi restituita ai familiari per la celebrazione delle esequie. Sotto sequestro anche la vettura killer su cui la giovane viaggiava per accertare eventuali guasti meccanici che possano aver determinato l’incidente.

LEGGI ANCHE:

Torre del Greco, la tragedia di Teresa: anche il fratello morì in un incidente



continua a leggere su Teleclubitalia.it