E’ ancora in fuga Pasquale Vitiello, il marito di Immacolata Villani, la donna crivellata di colpi di pistola questa mattina a Terzigno, dopo aver accompagnato la figlioletta a scuola in via dei Pini. Per il momento è l’unico sospettato dell’assassinio: tutti gli indizi, infatti, convergono su di lui. I carabinieri gli stanno dando la caccia. Dopo aver esploso i proiettili all’esterno dell’istituto scolastico di Boccia al Mauro, l’uomo, infatti, si è dileguato a bordo di uno scooter grigio. Non si esclude però che possa essersi tolto la vita dopo aver commesso l’omicidio.

Immacolata è stata freddata al termine di un’accesa discussione. Tra i due non correva buon sangue: era infatti in corso la pratica di separazione. La 31enne si trovava a bordo di un’auto, insieme alla compagna del padre, quando è stata avvicinata dal marito a bordo di uno scooter. Il marito della vittima avrebbe addirittura lasciato una lettera in cui annunciava le sue intenzioni omicide.

Lo ha riferito il sindaco della città, Francesco Ranieri. Stando ad alcune indiscrezioni, Vitiello sarebbe figlio di un direttore di banca. L’uomo lavorerebbe nell’indotto dell’Alenia, nonché azienda aerospaziale. Prima che si verificasse la tragedia, Pasquale avrebbe chiesto alla donna di scendere dall’abitacolo per parlare con lui. A quel punto Imma Villani, ignara di quello che le sarebbe potuta succedere, ha raggiunto il marito.

I due cominciano a discutere concitatamente, sino a quando l’uomo non ha estratto la pistola aprendo così il fuoco contro la donna. L’omicidio si è consumato davanti ad altre persone scatenando il fuggi-fuggi generale. Residenti e mamme che si trovavano nei pressi della scuola elementare sono scappati non appena si sono uditi dei colpi di pistola. Inutili i soccorsi: la donna è morta sul colpo.



continua a leggere su Teleclubitalia.it