Napoli: violenta lite familiare, uomo contro moglie e figlia aggredisce i poliziotti con calci e pugni

Napoli: violenta lite familiare, uomo contro moglie e figlia aggredisce i poliziotti con calci e pugni

La Polizia di Stato, nella serata di ieri, è intervenuta nel quartiere Ponticelli per una lite in famiglia. Gli agenti del Commissariato di Polizia “Ponticelli”, a seguito di una segnalazione del centro operativo, circa una lite in famiglia, sono intervenuti in Via Miranda.

Giunti sul posto, già da strada, i poliziotti avevano modo di ascoltare urla e schiamazzi, provenienti da un appartamento ubicato al primo piano, accertando così che era in corso una violenta lite tra una giovane 19enne ed i suoi genitori. L’appartamento, infatti, era stato messo a soqquadro ed i mobili danneggiati dal lancio di oggetti. In particolare, il padre della giovane, G.P. pregiudicato di 45anni, inveiva nei confronti della moglie e della figlia.

Nel tentativo di sedare gli animi, gli agenti si sono frapposti tra le due donne e l’uomo, impedendogli così di colpire ad entrambe. Il 45enne, non potendo reagire contro la moglie e la figlia, ha iniziato dapprima a minacciare ed insultare gli agenti, per poi scagliarsi contro di loro, colpendoli con calci e pugni.

Con non poche difficoltà, i poliziotti hanno bloccato l’uomo arrestandolo, perché responsabile dei reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I due agenti, infatti, sono stati medicati in ospedale per lesioni guaribili in pochi giorni.

Mamma e figlia, non hanno voluto procedere nei confronti del loro congiunto, così come hanno rifiutato le cure mediche. Il pregiudicato, stamane, processato con rito per direttissima, è stato condannato alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, tre volte alla settimana, per un periodo di 6 mesi.