Usura e riciclaggio, 16 indagati: c’è anche un imprenditore di Giugliano. Ecco il sistema scoperto

Usura e riciclaggio, 16 indagati: c’è anche un imprenditore di Giugliano. Ecco il sistema scoperto

Al termine di un’articolata attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, i Carabinieri della Stazione di Piano di Sorrento, unitamente ai Finanzieri della Tenenza di Massa Lubrense, hanno notificato un Avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 16 soggetti – tra imprenditori e liberi professionisti, gran parte residenti in penisola sorrentina – indagati per i reati di usura, riciclaggio, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, estorsione, truffa, ricettazione, millantato credito e calunnia.

Le attività investigative dirette dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, avviate dai Carabinieri di Piano di Sorrento nell’anno 2013 e proseguite, grazie alle approfondite analisi di carattere patrimoniale e bancario, dalle Fiamme Gialle di Massa Lubrense, hanno posto in luce un inquietante, ma consolidato sistema di concessione di ingenti prestiti di denaro a favore di altri imprenditori in difficoltà economica, posta in essere con l’applicazione di gravosi tassi usurai o, comunque, in piena abusiva sostituzione ai canali di credito autorizzati.

Seguendo i flussi di denaro movimentati sui conti correnti dagli indagati, attraverso l’attento esame delle movimentazioni finanziarie operate su carte ricaricabili Postepay – tra l’altro, sovente richiamate nell’ambito di conversazioni telefoniche dagli indagati – i militari co-delegati sono riusciti a ricostruire il vasto giro di usura e di esercizio abusivo dell’attività finanziaria, riuscendo a superare gli escamotages posti in essere dagli indagati, i quali si dimostravano molto accorti nell’evitare ogni incontro di persona.

Alla luce delle risultanze investigative già rapportate dalla polizia giudiziaria nel corso delle presenti indagini, veniva richiesta ed ottenuta, dal G.I.P. del locale Tribunale, l’applicazione di due misure cautelari agli arresti domiciliari nei confronti di MARESCA Rosario di Piano di Sorrento e di BIFARO Ciro di Giugliano in Campania (eseguite rispettivamente nel 2015 e nel dicembre 2016 e tutt’ora efficaci), identificati – spiega la Procura in una nota – quali avidi usurai di diversi imprenditori sorrentini, richiedenti la restituzione di prestiti con tassi d’interesse finanche superiori al 50%.

A conclusione delle predette indagini, è stato ricostruito come, grazie alla complicità dei gestori di alcuni punti di ricarica SISAL della penisola sorrentina – che omettevano di indicare le generalità del soggetto per conto del quale eseguivano le operazioni di ricarica delle carte ricaricabili o che le indicavano false, apponendo il proprio codice fiscale o quello di altri – gli indagati hanno anche riciclato le ingenti somme di denaro frutto della loro illecita attività usuraia o di abusivismo finanziario, al fine di disperdere le tracce delle attività delittuose o di evitarne la tracciabilità.

Le stesse attività investigative hanno svelato anche il perpetrarsi di una strutturata truffa perpetrata da parte di alcuni degli indagati, utilizzando anche metodi estorsivi, in danno di un’impresa della penisola sorrentina specializzata nella riparazione di imbarcazioni, condotta attraverso la consegna di assegni precedentemente denunciati come smarriti o tratti da conti correnti ormai estinti da decenni.

TUTTI I NOMI: Raffaele Astarita, 55enne di Sant’Agnello; Giovanni Battista Avella, 39enne di Castellammare; Francesco Cafiero, classe 1969 e titolare di un bar a Piano di Sorrento; Andrea Mastellone, sorrentino di 75 anni; Barbara Maresca, 46enne di Sant’Agnello; Giuseppe D’Apice, stabiese classe 1968; Rosario Savarese, 48enne titolare di una nota pizzeria di Sorrento; Giovanni Maresca, 49enne di Piano di Sorrento; Giovanni Zingone, pensionato 72enne di Gragnano; Luigi De Nicola, 56enne di Castellammare; Giuseppe Di Martino, nato nel 1979 a Vico Equense; Sergio Ronca, 58enne romano; Giuseppe De Simone, classe 1956 e originario della penisola sorrentina.