Napoli, rapina in banca con dipendente presa in ostaggio: arrestato 43enne

Napoli. Gli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato Pianura hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria Ferdinando Argenziano, napoletano di 43 anni, gravemente indiziato dei reati di tentata rapina aggravata e sequestro di persona.

Lo scorso 7 luglio,  l’uomo era entrato in una banca di via Salvatore  Dalì, impugnando un oggetto tagliente, con il quale  aveva minacciato un cassiere affinché gli consegnasse il denaro. Il blocco automatico di casse e cassaforte avevano impedito che l’azione di Argenziano andasse a buon fine. Per guadagnare la fuga, al momento impedita dalla presenza della guardia giurata che dall’esterno si era accorto di quanto stesse capitando e si era posizionato in maniera tale da impedirgliela, aveva preso in ostaggio una dipendente della banca, puntandole l’oggetto tagliente alla gola e  facendosi scudo  della donna che ha lasciato quando è arrivato all’ incrocio con la via Arnaldi ed è scappato facendo perdere, momentaneamente le sue tracce.

Le indagini sono partite in maniera subitanea, con l’attenta visione  di quanto ripreso dal sistema di videosorveglianza della banca  ed hanno così,  consentito ai poliziotti  di individuare Argenziano Ferdinando, riconoscendolo, senza alcun dubbio, quale autore della tentata rapina e del sequestro.

Ieri mattina gli agenti sono andati presso l’abitazione dell’uomo, hanno trovato  la moglie che ha tentato  di tergiversare contraddicendosi più volte, però i poliziotti hanno trovato gli indumenti che Argenziano aveva indossato in banca ed altri indumenti stipati in bagagliaio di una macchina.

Lo stesso è uscito dall’appartamento difronte  consegnandosi agli agenti. Come disposto dall’Autorità Giudiziaria l’Argenziano è stato sottoposto a fermo e condotto presso la casa Circondariale di Napoli Poggioreale.