Fuorigrotta, sparò a un agente della polizia: condannato a 14 anni

Fuorigrotta, sparò a un agente della polizia: condannato a 14 anni

Raffaele Rende, l’uomo che a settembre scorso sparò a un poliziotto della squadra mobile, è stato condannato a 14 anni di carcere. Nicola Barbato, l’agente rimasto ferito, era in servizio insieme a Giuseppe Tuccillo davanti un negozio di giocattoli a Fuorigrotta. Entrambi erano impegnati in indagini sul racket delle estorsioni nel quartiere e per non dare nell’occhio indossavano pettorine del negozio di giocattoli, come riportato da “Il mattino”. Intorno alle 20 Rende ha detto di aver perso il controllo e di aver iniziato a sparare “dopo aver visto la pistola di uno dei due” che “non sapeva fossero poliziotti”.

Contro il 27enne Rende la Dda ha emesso un decreto di fermo per tentato duplice omicidio, tentata estorsione e porto abusivo d’armi. Il tutto con l’aggravante mafiosa. Roberto Gerard, complice dell’agguato, è stato invece condannato a 3 anni per l’accusa di tentata estorsione ai danni dei titolari del negozio di giocattoli.