Clan Polverino, maxi-sequestro dei carabinieri ad un presunto affiliato finito nell’ultima retata

Clan Polverino, maxi-sequestro dei carabinieri ad un presunto affiliato finito nell’ultima retata

Marano. Ancora un duro colpo da parte dei carabinieri alla criminalità organizzata maranese. Sigilli alla mega villa di Angelo Di Maro, classe ’78, l’uomo arrestato lo scorso 3 maggio nel blitz del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna contro i narcotrafficanti dei clan Polverino-Nuvoletta ed Orlando.

Il sequestro dell’abitazione – eseguito dai militari della locale tenenza, coordinati dalla Compagnia di Giugliano diretta dal capitano Antonio De Lise – del 37enne ritenuto vicino alla cosca maranese è scattato per abuso edilizio. I carabinieri hanno scoperto il grosso immobile in via Ungaretti, nei pressi della zona industriale di Marano. Circa un milione di euro il suo valore. Nell’abitazione viveva la compagna di Di Maro, la 30enne V.C. di Torre del Greco, che è stata anche deferita in stato di libertà. Tutto, a parte l’Enel, era abusivo. Nell’operazione che la scorsa settimana ha portato all’arresto del 37enne è stato arrestato anche un carabiniere in servizio a Marano ma continua incessante il lavoro di contrasto alla criminalità da parte dei militari dell’Arma che stanno smantellando i clan ed i tesori accumulati illecitamente.

(immagine di repertorio)