Carpentieri risponde a Melito adesso “La presa di posizione di alcuni esponenti mi rammarica, ma forse non mi stupisce del tutto”

Carpentieri risponde a Melito adesso “La presa di posizione di alcuni esponenti mi rammarica, ma forse non mi stupisce del tutto”

Carpentieri risponde a Melito adesso “La presa di posizione di alcuni esponenti della lista “Melito adesso” mi rammarica, ma forse non mi stupisce del tutto” – dichiara Venanzio Carpentieri, proseguendo: “Sin dal luglio 2013, da quando cioè ha preso forma l’Amministrazione che ho l’onore e l’onere di guidare, ho dovuto fare ricorso a una biblica pazienza per sopportare le mutevoli e spesso inspiegabili prese di posizione di una forza di maggioranza costantemente affetta da sintomi di insoddisfazione. Ricordo l’orientamento assunto in occasione del varo della prima giunta – la giunta tecnica – accolta con glaciale freddezza e, allora come oggi, da propositi di “vigilare” e “incalzare”, propositi peraltro puntualmente disattesi. Ancora per stare ai buon propositi, rammento quelli che accompagnarono l’avvento della tanto invocata giunta politica, che avrebbe potuto e dovuto motivare alla piena partecipazione consiglieri fino ad allora restii a collaborare con i “tecnici”, quasi come se l’esercizio del mandato elettivo fosse un “piacere” nei riguardi degli assessori e non un dovere al cospetto dei cittadini – elettori. I fatti si sono incaricati di dimostrare che le suddette buone intenzioni, fatte salve un paio di occasioni, hanno finito per lastricare una strada fatta di indolenza, accentuata propensione alla litigiosità, limitata presenza presso la casa comunale e scarsissimo supporto al lavoro della Giunta. Oggi assistiamo ad un nuovo Aventino, accompagnato da un approccio censorio che prescinde totalmente da qualsiasi spunto autocritico: si dice di non volerci più mettere la faccia, ma verrebbe da chiedersi quando la si è messa. Si adducono motivazioni che potrebbero apparire meritevoli di considerazione, ma che, avendone discusso di persona con gli interessati, non esito a definire largamente pretestuose. Singolare, poi, il fatto che si ometta di indicare nel comunicato anche le altre richieste che mi sono state avanzate, relative all’attribuzione di questa o quella delega assessorile. Richieste che ho rispedito al mittente in quanto mi sono parse più ispirate al ben noto manuale “Cencelli” che a finalità di interesse collettivo. A questo approccio, ho contrapposto scelte nel senso di una più ampia responsabilizzazione della forza politica in questione, che ho investito del compito di realizzare punti qualificanti del nostro programma elettorale. Nonostante tutto ciò e l’odierna dichiarazione d’indipendenza, insisto nel fare professione di pazienza, certo del fatto che il merito dei provvedimenti che l’Amministrazione seguiterà a sfornare farà ricredere gli amici di “Melito adesso”, dai quali, con fiducia, continuerò ad attendere proposte utili a realizzare gli interessi della comunità melitese.”

 

Ufficio stampa Comune di Melito di Napoli