Raccolta differenziata a Melito, da lunedì controlli a parchi popolosi e multe salate per trasgressori

Raccolta differenziata a Melito, da lunedì controlli a parchi popolosi e multe salate per trasgressori

Un servizio che coinvolgerà addetti della Button, guardie ambientali e polizia municipale con l’intento di dare finalmente quella sterzata alla raccolta differenziata, attesa oramai da anni in città.

Già in queste ore è partita un’ispezione organizzata di concerto tra l’amministrazione comunale, la Button e la Cvdt Campania 17 che ha interessato alcuni tra i parchi più densamente abitati della città. Tante le difformità sui metodi di raccolta segnalate al settore Ambiente dell’ente che ha così deciso di avviare una dura azione di contrasto ai fenomeni di sversamento di rifiuti in giorni diversi da quelli consentiti dal calendario di raccolta.

Da lunedì i vigili urbani, al termine dell’ispezione delle guardie ambientali, multeranno i condomini inadempienti. “In questi primi i mesi di amministrazione siamo riusciti a raggiungere risultati che definirei soddisfacenti – ha dichiarato il sindaco Antonio Amente – La percentuale di raccolta differenziata è passata dal 7% di maggio al 27% di dicembre, ma non basta. Abbiamo l’obbligo morale ed ambientale di raggiungere quota 40% e sono certo che, grazie ad alcuni accorgimenti, ci riusciremo. Purtroppo la situazione ereditata era a dir poco traumatica, ma stiamo riuscendo a tirarci fuori”.

Dello stesso avviso l’assessore all’Ambiente Rosa Ferraro che ha pronte una serie di iniziative di sensibilizzazione utili a toccare le coscienze dei cittadini e ad educarli ad una sana ed attenta raccolta differenziata. L’assessore Ferraro lavora spalla a spalla con la presidente della commissione Ambiente Valentina Rella appare molto determinata in questa nuova fase che si annuncia essere decisiva.

“Noi amministriamo questo paese, ma per raggiungere obiettivi abbiamo bisogno della collaborazione dei cittadini – aggiunge Rella – Ea loro che chiedo di esserci di collaborare e comprendere che la differenza è un dovere ma non dobbiamo ricorrere alle sanzioni per far sì che l’inciviltà venga debellata una volta per tutte”.