Ragazzino ferito a Parete, ipotesi choc: “A sparare è stato un altro minorenne”

Ragazzino ferito a Parete, ipotesi choc: “A sparare è stato un altro minorenne”

Un’ipotesi per ora. Nulla di confermato, solo una supposizione al vaglio, come tutte le altre, degli inquirenti. Ma se confermata renderebbe ancora più cupo e triste uno scenario già di per sé buio.

A premere il grilletto della pistola dalla quale è stato esploso il proiettile che ha ferito Luigi, 14enne di Parete, comune dell’agro aversano non distante dalla città normanna, potrebbe essere stato un altro minorenne. Un’ipotesi che renderebbe ancora più cupi i presupposti di una tragedia che sconvolto l’intera comunità cittadina e l’intera regione.

Per ora siamo nel campo delle supposizioni e si tratta di una pista investigativa che gli inquirenti stanno tenendo sotto controllo, non meno delle altre. A formularla pare sia stato, come riporta Edizione Caserta, il direttore tecnico della Sessana, che conosce bene Luigi, e che sui suoi profili social ha espresso questo suo presentimento, dicendosi convito che a premere il grilletto sia stato un altro giovanissimo e che qualcuno sappia. Uno scenario da brividi se confermato. Perché lascerebbe intendere che la famiglia sappia e che stia coprendo l’accaduto per evitare conseguenze.