Napoli. “Vesuvio lavali col fuoco”, “Ciro muore”: scritte vergognose a Chiaia

Napoli. “Vesuvio lavali col fuoco”, “Ciro muore”: scritte vergognose a Chiaia

“Nella notte tra giovedì 2 e venerdì 3 novembre a via Ascensione, nel quartiere di Chiaia, a Napoli, alcuni imbecilli hanno pensato bene di imbrattare le mura – denunciano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore radiofonico Gianni Simioli – scrivendo con una bomboletta di colore arancione “Lavali col fuoco, Ciro muore e Terroni”.

“La scritta è stata firmata Asr Roma con un chiaro riferimento alla morte di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli, residente nel popoloso e popolare quartiere di Scampia ucciso da Daniele De Santis, ex ultras giallorosso che uccise il tifoso azzurro poche ore prima della finale di Coppa Italia Fiorentina Napoli il 3 maggio del 2014. La denuncia è partita da Identità Insorgenti e le scritte sono state prontamente coperte ma adesso bisogna ripitturare le pareti sporcate da questo ennesimo e ignobile gesto. Si tratta dell’ennesima vergogna e insulto alla nostra città e alla famiglia del tifoso assassinato”.