vanessa incontrada spiaggia follonica body shaming

Finisce di nuovo sotto i riflettori Vanessa Incontrada. E sempre – negli ultimi anni – per lo stesso motivo: i suoi cambiamenti fisici. La copertina del settimanale “Nuovo” immortala la conduttrice in bikini in spiaggia a Follonica. Scoppia la polemica in rete su un presunto caso di “body shaming” condotto dalla rivista.

Vanessa Incontrada immortalata in bikini: è di nuovo body shaming?

La showgirl è stata fotografata in un momento di relax in vacanza sulla spiaggia toscana di Follonica. Uno scatto come un altro, l’ennesimo realizzato da un paparazzo che si intrufola nella vita privata di una vip, se non fosse che a tutti i lettori salta all’occhio il fisico sovrappeso della conduttrice. Il settimanale titola: “Vanessa Incontrada sfoggia il bikini”. Nessun riferimento ai chili di troppo, né alle polemiche sula sua fisicità degli ultimi tempi. Eppure per molti il sospetto è che si tratti di un body shaming malcelato e che gli autori della rivista abbiano voluto immortalarla proprio così per offrire la foto in pasto al giudizio del lettore.

Haters in azione

Vanessa è finita nel mirino degli haters già negli ultimi giorni. Il suo corpo scatena reazioni in rete a prescindere. Sui social ha condiviso di recente una foto mentre fa footing. Gli utenti l’hanno attaccata con commenti al vetriolo e pungente sarcasmo. “Anche tu come tutte”, “Non dimagrire”, “Vanessa, anche tu? Fotografata mentre corri!?!? Mi crolla un mito”, “Ma come vanessa dimagrisci? Che delusione… Ma non fai parte di tutte quelle che si amano così?”. E c’è chi, tra i commentatori, sospesa persino che sia una foto vecchia. La Incontrada, al momento, non ha replicato alle critiche e ha preferito mantenere un profilo basso.

Il post su Instagram pubblicato dal direttore di “Nuovo”

Le reazioni

Gli attacchi incrociati alla showgirl hanno diviso anche l’opinione pubblica. «La celebrità porta gloria e a volte anche qualche problema. Non si può avere la moglie drogata e la siringa piena – commenta il giornalista Roberto D’Agostino, direttore di Dagospia. Essere personaggi di rilievo mediatico fa sì che ogni tanto ci si riveda pure in foto nelle quali si sbadiglia, ci si gratta la testa e via dicendo. Rientra nelle regole del gioco. Poi, certo, qualcuno esagera su certe smagliature della vita e anche dei fianchi».

continua a leggere su Teleclubitalia.it