La 32esima edizione della classifica sulla qualità della vita fra le città italiane colloca Napoli al 90esimo posto. Il Sole 24Ore, attraverso alcuni indicatori statistici divisi, su base provinciale, in 6 ambiti (ricchezza e consumi, affari e lavoro, ambiente e servizi, cultura, tempo libero e demografia, società e salute), stila la graduatore delle realtà cittadine italiane.

Crotone fanalino di Coda, Benevento prima città fra le realtà campane

I criteri scelti dal Sole 24Ore “penalizzano”, ancora una volta, le realtà campane: Napoli si piazza al 90esimo posto. Benevento perde 7 posti e si piazza alla posizione numero 86, risultando la prima tra le città campane in classifica. Salerno risale, invece, la china fermandosi all’89esimo posto.

Crollo verticale per Avellino che si piazza al 93esimo posto perdendo 9 posizioni rispetto alla classifica del 2020. Fanalino di coda per Caserta che si piazza al 100esimo posto su 107 totali. Dunque ennesimo boccone amaro per la Campania che si trova a collezionare anno dopo anno record negativi quando si tratta di argomenti legati alla qualità della vita dei propri cittadini.

In fondo alla classifica resta Crotone che anche l’anno scorso aveva chiuso all’ultimo posto. La regina della classifica resta, invece, Trieste, miglior città per qualità della vita, seguita da Milano e Trento.

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it