Entra oggi in vigore, 6 dicembre, il “super” Green Pass. Ma quale differenza c’è tra la certificazione verde rafforzata e quella base? Proviamo a fare chiarezza.

Qual è la differenza tra Green Pass base e quello rafforzato

Il green pass base indica l’avvenuta vaccinazione anti-Covid, la guarigione dall’infezione o l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare, che abbia dato esito negativo.

Per green pass rafforzato, invece, si intende l’avvenuta vaccinazione (anche della terza dose) o la guarigione dall’infezione. Esso, però, non include l’effettuazione del tampone.  Anche nei casi in cui è richiesto il certificato verde rafforzato, si applicano le esenzioni (clicca qui per sapere chi ne ha diritto) per i minori di 12 anni e per coloro che hanno una valida certificazione medica.

Bisogna scaricare il Green Pass rafforzato? 

No, basterà presentare agli addetti alle verifiche il green pass da vaccinazione o da guarigione già in possesso. Sarà l’App VerificaC19 a riconoscerne la validità.

Dove e quando serve il Green pass base e rafforzato

Per andare al lavoro basterà qualsiasi green pass, compreso quello da test antigenico rapido o molecolare. Per entrare in cinema, teatri, stadi e palazzetti dello sport, bar e ristoranti al chiuso, feste, discoteche e cerimonie pubbliche servirà la certificazione verde “rafforzata”. In questi casi il tampone negativo non sarà più accettato.

Con il green pass base – cioè quello ottenuto anche con tampone rapido o molecolare – si può, sia in zona bianca e in quella gialla, salire sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza (treni ad alta velocità, intercity, aerei ecc), utilizzare i mezzi del trasporto ferroviario regionale e del trasporto pubblico locale ossia metropolitane, autobus e tram.

Si può anche andare in palestra e in piscina e fare attività sportiva al chiuso, entrare in musei, fiere, convegni, centri termali, parchi divertimento, impianti di sci, partecipare a feste per cerimonie civili e religiose. Ma anche alloggiare negli alberghi e nelle altre strutture ricettive, accedere agli spogliatoi e alle docce, con l’eccezione degli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità.

In caso di passaggio in zona arancione, la situazione cambia: si può accedere alle attività con il solo Green Pass rafforzato. E sempre in fascia arancione non sarà più possibile prendere un caffè al bancone se non si è in possesso del certificato rafforzato. In zona bianca e gialla la consumazione al banco e al tavolo (all’aperto) in bar e ristoranti è  senza green pass. Ma in zona arancione non è più consentito andare nei bar e nei ristoranti, indipendentemente se si resta al chiuso o all’aperto, se non si è in possesso di certificazione verde “rafforzata”.

Tamponi

Il Certificato resta valido in caso di un tampone molecolare negativo effettuato nelle 72 ore antecedenti o rapido nelle 48 ore precedenti.

 

 

 

continua a leggere su Teleclubitalia.it