Un 38enne ha abusato di una ragazzina di 12 anni di Battipaglia, nel salernitano. Secondo l’accusa, avrebbe adescato la bambina su Instagram e l’avrebbe convinta ad incontrarlo in via Rosa Jemma a Battipaglia, per un servizio fotografico. L’uomo, infatti, si era finto un fotografo sui social.

Adesca 12enne si social e la violenta, arrestato 38enne

Come riporta il sito La Città, il finto fotografo avrebbe iniziato a chattare con la piccola vittima proponendole uno shooting perchè lei era proprio quella che cercava. La giovane, interessata alla sua proposta, avrebbe accettato di incontrarlo e i due si sarebbero incontrati all’appuntamento. Una volta insieme però non c’era alcun servizio fotografico e l’uomo l’avrebbe stuprata.

A denunciare l’accaduto sono stati i genitori dell’adolescente che si sono rivolti alle forze dell’ordine. La figlia avrebbe infatti manifestato comportamenti insoliti e dopo essere stata invitata a parlare, si è confidata con i genitori, raccontando le presunte violenze subite. Così i genitori si sono subito recati in caserma a sporgere denuncia.

Arrestato il pedofilo

Raccolta la sua versione, i carabinieri hanno acquisito e passato al vaglio le immagini immortalate dalle telecamere di vidosorveglianza, che avrebbero ripreso la scena e confermato l’accaduto. Non solo, all’interno dei suoi dispositivi elettronici sarebbe stato trovato materiale pedopornografico.

I militari dell’Arma e la polizia postale hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare scattata nei suoi confronti. Il trentottenne è finito in manette ed è stato portato nella casa circondariale di Fuori, dove si trova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

continua a leggere su Teleclubitalia.it